Parco Ruffini

Cliccare su ogni foto per ingrandirla

Il parco è delimitato da corso Trapani, corso Trattati di Roma (ex c.so Lione), corso Brunelleschi.
All’interno lo attraversa centralmente viale Bistolfi ed è percorso dal corso Piaggia, viale Burdin, viale Hughes e corso D’Albertis.
Ha una superficie di mq 175.000.

Fu progettato nel corso degli anni Venti e inaugurato il 31 dicembre 1925, con il nome di Parco Principe Gerolamo Napoleone Bonaparte; soltanto nel 1945 cambiò denominazione e venne intitolato al famoso giurista, ex Ministro e professore universitario, Francesco Ruffini.

Il progetto del parco fu concepito come un Valentino Nuovo, in grado di soddisfare la richiesta della collettività nella zona, oggetto di intensa industrializzazione proprio nei primi decenni del Novecento, con relativi capannoni industriali e case operaie.
Il parco si sviluppò prevalentemente sul terreno della famosa cascina Galiziana, che apparteneva ad un’antica famiglia originaria di Como e giunta a Torino intorno al ‘600.

Consegnato alla città nel 1934, ospitò dal 1937 al secondo dopoguerra una colonia elioterapica e una piscina che, ben presto divennero le maggiori attrattive della zona. A quel periodo risalgono la costruzione sia dello stadio, ora intitolato alla memoria di Primo Nebiolo, sia di un padiglione adibito ad asilo infantile.

Durante la seconda guerra mondiale Torino subì devastanti bombardamenti aerei; per offrire riparo alla popolazione il Civico Servizio Tecnico realizzò, all’interno dello stadio, un ricovero pubblico sotterraneo tale da garantire adeguato rifugio a 1500 persone in caso di incursioni aeree. Profondo circa dodici metri per uno sviluppo di circa centocinquanta metri, il ricovero era dotato di un impianto di ventilazione, illuminazione, servizi igienici ed acqua potabile.

Nel 1945 Il parco cambia denominazione; viene intitolato al famoso giurista, ex Ministro e professore universitario Francesco Ruffini che, durante il Ventennio, non prestò giuramento al regime e si rifiutò di insegnare nello spirito del fascismo.

Il Palazzetto dello Sport ubicato al suo interno venne progettato e realizzato in occasione dei festeggiamenti per il centenario dell’Unità d’Italia, nel 1961, dal celebre architetto Pier Luigi Nervi.

Dal 1961 ad oggi ha ospitato parecchie manifestazioni sportive e ha celebrato, a cavallo degli anni Settanta e Ottanta, le gesta della leggendaria squadra di pallavolo torinese, asso pigliatutto in Italia e in Europa.
Oltre ad essere punto di riferimento per lo sport sia professionistico che dilettantistico, il Palazzetto dello Sport è stato il protagonista di serate musicali indimenticabili accogliendo i concerti dei maggiori cantautori italiani e di tante band internazionali del rock e del pop.

Negli ultimi quaranta anni il Ruffini viene ampliato e interamente pedonalizzato. Si arricchisce di numerosi servizi per lo sport e il tempo libero e, nel 1985, di una fontana luminosa sul prato antistante viale Hughes.
Dal 1998, all’interno dello stadio “Primo Nebiolo”, il parco ospita la manifestazione cinematografica Arena Ruffini; kermesse che allieta le serate estive dei cittadini torinesi.
Da ricordare, inoltre, la manifestazione Giorni dello Sport.
Nella estate 2001 si è svolta la prima edizione della festa di sensibilizzazione ambientale denominata Ambientando che si prefigge, tra l’altro, di avvicinare la cittadinanza alle varie tematiche ecologiche.
Sono sorti campi da tennis, da calcetto, da calcio, una pista di pattinaggio, la rampa di skateboard, frequentati annualmente da migliaia di persone. Il percorso ginnico, le aree giochi bimbi, i giochi bocce e la scacchiera gigante sono ulteriori risorse che rendono questo parco un punto di riferimento, di incontro e di svago per bambini, adulti e anziani e lo sfondo di numerose manifestazioni.

Vi è un’area attrezzata per la sosta camper. Nell’area parcheggio, in alcuni periodi dell’anno, sono ospitati giostre e spettacoli viaggianti. Il parco ospita annualmente diverse fiere ed iniziative anche politiche.

Impianti sportivi a carattere cittadino: Palazzetto dello Sport, Stadio di Atletica “Primo Nebbiolo” e campo da pallone elastico.
Impianti sportivi in libero uso: pista di pattinaggio, campi da tennis, campi da calcetto, impianti bocce, pista per skate board,
Aree attrezzate: aree gioco per bimbi, percorso ginnico attrezzato, scacchiera gigante
Servizi turistici: minigolf, chioschi bar, giostra permanente, trenino per bimbi, affitto biciclette
Footing: praticabile in tutto il parco
Cinema all’aperto estivo: Arena Ruffini
Servizi igienici: il parco è dotato di tre servizi igienici in muratura